A voce scritta di Roberto Uggeri: Soldato semplice

Soldato semplice

 

“Vado alla guerra! Sarà mica la morte di nessuno!”. Comincia così, con una ingenua provocazione che suona quasi come un ossimoro “Soldato semplice” di e con Paolo Cevoli.

Ironico pungolo, fatto con intelligenza, sui mali antichi dell’italietta, dove tutto è da sempre lasciato alla sempiterna arte di arrangiarsi del singolo che deve salvarsi la pelle.

localdinasoldatosemplice

Il comico di Riccione, dedica un film al nonno, protagonista, suo malgrado, come molti allora, nella prima guerra mondiale, della quale ricorre quest’anno il centenario, facendone un pretesto e grimaldello per mettere alla berlina problemi insoluti del paese, dai raccomandati inetti nei posti di comando, alla disorganizzazione cronica e mai vinta.

Un piccolo maestro di provincia, alpino suo malgrado, si fa mentore di uno sprovveduto ragazzino ischitano che poco sa del mondo e meno ancora della vita. In una sorta di improbabile armata Brancaleone cercherà, con pragmatismo, di mettere in guardia  sulla follia della guerra e sul rischio di combatterla in nome di regnanti che mandano il popolino al macello seduti al caldo nelle loro stanze del potere.

Lui sa bene, invece, quale carneficina abbiano prodotto i valori risorgimentali, “Dio, Patria e Famiglia”, ai quali risponde con disincanto: “Dio? Sono ateo! Famiglia? Sono scapolo! Patria? Austriaci..?.. Volete governarci? Ci arrendiamo! Adesso però cono cazzi vostri!”.

A volte la soluzione migliore pare proprio essere, piaccia o no, la più semplice. Semplice come un anonimo soldato di trincea.

Roberto-Uggeri