Franco Causio e Giacomo Ferri hanno anticipato il derby di Torino in Kiss Kiss Weekend con Stefano Piccirillo

Ferri a Kiss Kiss Weekend “Se Radice mi diceva, marchi a uomo Causio , io lo seguivo ovunque tranne che nel suo spogliatoio”
Un campione del mondo e un campione della difesa, amici-nemici per il derby di Torino, curiosità mai svelate prima, aneddoti e punti di vista nell’intervista di Radio Kiss Kiss condotta da Stefano Piccirillo in Kiss Kiss Weekend di oggi sabato 15 dicembre
Causio “Se io fossi stato attaccato a zona sarebbe stata tutta un ‘altra cosa, come dire Maradona o Platini marcati a zona, l’attaccante oggi è piu’ tutelato, si ammonisce di meno rispetto a prima”
Ferri “Io ero uno tignoso valeva un po’ tutto c’erano meno televisioni , adesso e cambiata la storia sei sotto gli occhi del mondo,
Causio ” Noi non arrivavamo con le cuffie in testa allo stadio a sentire musica , ma ero piu’ concentrato ,i tifosi ? a Torino ci sono tanti del toro ma pochi della juve , i tifosi juventini a Torino erano pochi rispetto a quelli del Toro perchè la Juve è la signora d’italia
e sono piu’ sparpagliati “
Ferri ” Prima dovevi studiare quel giocatore, se Radice mi diceva marchi a uomo Causio io lo seguivo ovunque tranne che nel suo spogliatoio “
Causio ” Si ma io svariavo e cambiavo fascia , d’accordo con Bettega “
Causio ” E poi è una questione di budget societario per questo la Juve vince 7 scudetti di fila “
Ferri ” Non è questione di Budget , anche negli anni 80 c’era il budget e noi per 10 undicesimi arrivavamo dal settore giovanile e qualche volta abbiamo vinto “
Stefano Piccirillo

Potrebbe interessarti: